Costo condizionatore
26.07.22

Condizionatore: quanto costa tenerlo acceso

In un periodo dove dobbiamo fare i conti sia con un'energia mai così cara che con ondate di caldo torrido, è importante avere piena consapevolezza dei consumi, a partire dall'elettrodomestico che sta pesando di più sulle nostre bollette: il condizionatore!

Una stima dei costi in bolletta

Secondo le stime effettuate dagli ingegneri del nostro Ufficio tecnico, l'assorbimento di un condizionatore a regime impostato sui 26 °C è in media poco meno di 1 kW: il costo in bolletta equivale a 0,50 €/h, che arriva a 0,60 €/h includendo l'IVA al 22%. In modalità deumidificazione i consumi e, di conseguenza, i costi, si riducono a 0,30 €/kWh circa*.

L'incidenza sul totale della bolletta varia ovviamente in base alle ore di accensione e, come abbiamo visto, alla modalità di utilizzo. Ecco alcuni esempi:

  • Accensione 2/3 volte a settimana per rinfrescare la sera 30 h/mese 18 €/mese
  • Accensione tutte le sere del mese per 3 ore ≃ 90 h/mese 45 €/mese
  • Accensione tutte le sere del mese per 3 ore e deumidificazione notturna per 8 ore 90h di raffreddamento + 250 ore di deumidificazione 120 €/mese

E un condizionatore acceso per tutto il giorno?

Nel caso in cui il condizionatore rimanga acceso per un tempo prolungato, entrando in gioco l'inerzia termica, il costo si riduce attestandosi fra gli 0,25 e gli 0,40 €/h a seconda della tipologia e alle condizioni energetiche dell'edificio. Ecco alcune stime in base al tempo di accensione:

  • Accensione continuata per tutto il mese 700 h/mese 180-300 €/mese
  • Accensione per 10 ore al giorno (come nel caso di un ufficio) 250 h/mese  75-100 €/mese

* Le stime possono variare in base alla taglia, alla tecnologia e all'età della macchina e alle caratteristiche dell'edificio.