Capacity Market
23.01.22

Dal 1° gennaio in vigore il Corrispettivo Mercato Capacità

A partire dal 1° gennaio di quest’anno è stato introdotto sulle bollette elettriche un nuovo onere che andrà a finanziare il Capacity Market, il mercato della Capacità produttiva. Si tratta di una decisione presa alcuni anni fa e che oggi entra effettivamente in vigore. 

Questo meccanismo, finalizzato a garantire la capacità da parte del sistema elettrico di soddisfare picchi di domanda, andrà a remunerare i produttori di energia pronti a intervenire con i loro impianti per coprire le punte di carico.

L’applicazione del corrispettivo

Il corrispettivo, che sarà applicato per la prima volta sulle bollette riferite ai consumi di gennaio, non verrà ripartito in maniera omogenea sull’intera domanda: le 500 ore di picco annuale definite da Terna e concentrate soprattutto nei mesi di gennaio, febbraio e luglio, saranno infatti coperte con un corrispettivo di 39,799 €/MWh, mentre alle restanti ore verranno applicati 1,296 €/MWh. In sostanza consumare energia in alcune ore sarà più costoso per effetto di questo nuovo onere.

I riferimenti normativi relativi alle modalità di applicazione del Corrispettivo Mercato Capacità sono:

Modalità di calcolo

Contatori di nuova generazione o letture disponibili

Nel caso di letture orarie disponibili, l’onere verrà calcolato moltiplicando i valori in € al MWh stabiliti da Terna per i consumi orari rilevati sul contatore, cioè 39,799 €/MWh, per le ore di picco e 1,296 €/MWh per le ore fuori picco. Il corrispettivo si troverà nella bolletta eVISO aggregato ad altri oneri alla voce Servizi di Dispacciamento.

NB: l'immagine illustra la sezione in cui si trova l'onere. Le cifre sono a puro scopo illustrativo.
 

Letture orarie non disponibili

Nel caso in cui i dati orari siano irreperibili o non ancora disponibili al momento della bollettazione, l’onere verrà calcolato in base al profilo del Fabbisogno italiano MGP GME, moltiplicato per un fattore correttivo pari a 1,096 (determinato confrontando il profilo MGP GME e il profilo medio degli utenti eVISO). Il risultato verrà arrotondato alla terza cifra decimale superiore e sarà applicato anche alle perdite di rete standard.

Nel caso in cui le letture orarie siano disponibili successivamente all’emissione della bolletta, verrà effettuato il ricalcolo puntuale e il relativo conguaglio.

Queste informazioni saranno riportate nelle note esplicative della bolletta, come prescritto dalla Delibera ARERA prima citata.

Quali sono le ore più costose? 

Per tutti gli utenti con contatore orario di nuova generazione, il consiglio è quello di prendere visione delle ore di picco e, se possibile, evitare i consumi nelle ore indicate, o comunque limitarli.
 
[CLICCA QUI PER SCARICARE LO SCHEMA ORARIO DEL CAPACITY MARKET 2022]
 
Nel caso di imprese l’ufficio tecnico eVISO è a disposizione per valutare possibili accorgimenti da applicare, in base alle esigenze del ciclo produttivo.
Per tutti i clienti domestici l’invito è quello di utilizzare la programmazione di alcuni elettrodomestici (lavatrici, lavastoviglie, ecc.) nelle ore notturne e di limitare comunque i consumi superflui o evitabili nelle ore diurne.  
Anche in questo caso, un utilizzo dell’energia il più possibile attento, già consigliabile per chi ha sottoscritto contratti con tariffa bioraria o a costo orario, sono la strada giusta per tenere sotto controllo la spesa energetica. 

Ricordiamo che le fasce orarie di energia elettrica sono:
F1: Da lunedì a venerdì dalle 8 alle 19
F2: Da lunedì a venerdì dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23
F3: Domenica, festivi (tutto il giorno) e dalle 23 alle 7 del giorno successivo

La tariffa bioraria prevede due fasce orarie: F1 e F2+F3