Decreto rilancio bollette eVISO
21.05.20

Decreto Rilancio e bollette: eVISO informa

In questi giorni si parla molto di contributi e sconti sul pagamento delle bollette elettriche delle aziende.

[ULTIMO AGGIORNAMENTO 28.05.2020]

eVISO ha recepito la Delibera ARERA 26 maggio 2020 190/2020/R/eel che verrà applicata dove previsto a partire dalle bollette relative al mese di maggio.

Tutte le aziende aventi diritto troveranno nella sezione NOTE della bolletta la dicitura relativa all'appicazione della misura.

È vero che il Governo ha deliberato in merito a sconti in bolletta?

Sì, il Decreto Rilancio redatto dal Governo riporta un capitolo (articolo 30) dedicato alla “Riduzione degli oneri delle bollette elettriche”, che riguarda le bollette delle utenze non domestiche in bassa tensione ("altri usi"). Lo scopo è alleviare il peso delle quote fisse delle bollette elettriche per le piccole attività produttive e commerciali.

Da quando partiranno gli sconti?

Sono relativi ai consumi dei mesi di maggio, giugno e luglio. Il Decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella serata di martedì 19 maggio, dopo che la Ragioneria dello Stato ha bollinato le coperture finanziarie di tutti i 266 articoli contenuti e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto.

L'Autorità ARERA, ha pubblicato il 26 maggio 2020 la delibera con le modalità di applicazione, che eVISO ha messo in atto immediatamente dove previsto, su tutte le bollette recapitate a partire da giugno.

Cosa prevede il decreto legge?

Il D. L. parla di una riduzione degli oneri delle bollette elettriche, che riguarderà contatori a partire da 3,3 kW non domestici e di potenza superiore. La riduzione interesserà le voci «trasporto e gestione del contatore» e «oneri generali di sistema», i cui coefficienti di calcolo saranno riparametrati per favorire il risparmio.

Quanto si potrà risparmiare?

Il risparmio è variabile a seconda dei casi, non è possibile una quatificazione univoca: le coperture finanziarie messe a bilancio sono di 600 milioni di euro fino alla fine del 2020.
L'ARERA ha parlato di risparmi per 3,7 milioni di imprese in Italia, con cifre variabili a seconda della potenza del contatore. Il provvedimento riguarda piccoli esercizi commerciali, artigiani, bar, ristoranti, laboratori, professionisti e servizi (i clienti in bassa tensione non domestici) con potenza superiore a 3 kW, per il trimestre maggio-giugno-luglio, ai quali viene azzerata la quota relativa alla potenza e applicata solo una quota fissa di importo ridotto (fissata convenzionalmente a quella corrispondente alla potenza impegnata di 3 kW), senza ridurre in alcun modo il servizio effettivo in termini di potenza disponibile.
Inoltre per i contatori che superano i 16.5 kW di potenza saranno possibli ulteriori agevolazioni in caso di picchi di consumo mensile sotto i 2 kW. Si parte da pochi euro di risparmio su bollette sotto i 100 euro a cifre più consistenti per POD di potenza superiore.