I Maghi delle tasse abbattute in bolletta
26.10.17

eVISO BLOG: ...puntuali come l'autunno tornano i maghi che cancellano le tasse

C’è una parola che fa drizzare le orecchie alla maggior parte delle persone, soprattutto se questi sono imprenditori o conducono una attività.

Inizia con la lettera “T”.

Indovinato, è proprio “tasse”.

DAL MAGO...
Un nervo scoperto così diffuso, che viene periodicamente utilizzato come grimaldello emotivo per propinare qualunque messaggio, spesso anche in cattiva fede.
E’ il caso dei “maghi” delle tasse, che si presentano periodicamente nelle aziende, pur privi di cappello a punta e bacchetta magica, sentenziando con certezza che i loro fornitori sono in grado di non far pagare le “tasse” nelle bollette dell’energia elettrica. 
Va bene, non ci credete più: se qualcuno le paga, anche gli altri dovranno farlo.

...ALL' IMBONITORE
Ed ecco che il “mago” si trasforma, e ricompare nei panni di un navigato imbonitore, di quelli che giravano di paese in paese nel vecchio West, proponendo pozioni miracolose.
La tecnica si fa più raffinata: se togliere "tutte le tasse" suonava come una panzana, adesso si aggiusta la mira e sfoderando una certa sicumera nell’espressione facciale (o nella voce se si tratta di una vendita tramite call center), si spara un numero a caso.
"Con noi le “tasse” si abbattono del 46%".

E se a "tutte" non ci si può credere, al "46%" si comincia almeno a sperare.
In fondo non è 50, non è 30: è precisamente il 46!
Un numero così netto sarà frutto di studi, di elucubrazioni matematiche, ci sarà di certo una ragione precisa per un’affermazione così precisa.
E invece non è così.

Pur di chiudere una contratto o di ottenere una firma, il “mago” racconta qualunque storiella, prima di darsi alla macchia in vista dell’arrivo della prossima bolletta.

La realtà dei fatti è che l’Autorità di settore stabilisce dei parametri a livello nazionale, e tutti vi si adeguano.
Se non lo fanno, emettono bollette ovviamente errate, ribaltando i problemi sugli utenti finali.

Come difendersi? Intanto più sono grossi i vantaggi prospettati senza spiegare come questo viene fatto, più solitamente si tratta di "bluff".
Farsi scrivere quello che viene detto a voce è già un bel modo per vedere sparire una grossa quantità di questi sedicenti "maghi".
Per il resto se avete dubbi, chiamate gli uffici eVISO. Un nuovo caso si aggiungerà alla lista di quelli da noi registrati e vi sarà dato il supporto necessario per difendervi.

*articolo a cura di Marco Jorio, Ufficio comunicazione eVISO