eVOCE prontuario di comunicazione interna
14.02.22

Presentato eVOCE, il prontuario di comunicazione in eVISO

Nei primi giorni di febbraio, durante una riunione interna aperta a tutti dipendenti e collaboratori eVISO, è stato presentato “eVOCE”, un breve volume dedicato ai processi di comunicazione tra le persone all’interno dell’azienda. Il prontuario è frutto di un lavoro iniziato anni fa e oggi erogato a beneficio di tutti i collaboratori.
Il volume è scaricabile liberamente dal sito eVISO (a fondo pagina) per chi fosse interessato a utilizzarlo o a prenderne spunto.

Definire il contesto della comunicazione

Gianfranco Sorasio, Amministratore Delegato di eVISO, ha delineato i contorni del progetto: “Da almeno 4 anni con Laura Boglione e il management ci stiamo formando sulla comunicazione, sia verbale che non verbale. L’idea è stata quella di consolidare le prassi che abbiamo visto portare un'ottimizzazione nel processo relazionale e di clima, con poche e semplici regole che alleggeriscono il lavoro. Nella comunicazione c’è chi parla e chi ascolta all’interno di un contesto: in queste guide abbiamo voluto dare importanza proprio al contesto, evidenziando i termini rappresentativi all’interno di eVISO, per uniformare le prassi da adottare nel nostro modo di comunicare, soprattutto a beneficio dei nuovi arrivati o provenienti da percorsi diversi”.  
“Infine – conclude - abbiamo deciso di renderlo pubblico, perché ci auguriamo abbia un impatto anche al di fuori di eVISO e possa essere utilizzato da chi voglia trarne ispirazione”.

Di “mettere a terra” il lavoro di questi anni si sono occupati Laura Boglione, coach e counselor supervisor, che collabora da tempo con la società, e Davide Debernardi, Progettista della Formazione del dipartimento Risorse Umane di eVISO.

Arrivare agli altri nel migliore dei modi

Spiega Laura Boglione“Ho cercato di essere empatica e percepire le intenzioni e i valori importanti per l’azienda, trasformandoli in un vestito adeguato, semplice per tutti. Insieme a Davide abbiamo “asciugato” le regole e gli strumenti di base della comunicazione, con testi diretti e puntuali.  Per i contenuti, ci siamo ispirati alle caratteristiche di eVISO: smart, di valore, ricca di contenuto, etica. Tra le parole chiave abbiamo evidenziato “il contesto”, perché nell’ultimo periodo ci siamo ritrovati a comunicare in contesti diversi: via chat, in video conferenza, con poco tempo per soffermarci e chiederci se la nostra comunicazione fosse adeguata, e adeguata per l’altro. Questo prontuario serve a trovare una modalità allineata per arrivare all’altro nel migliore dei modi” continua.
“Anche la parola responsabilità è fondamentale: se ci assumiamo la responsabilità di arrivare all’altro con l’obbiettivo di non giudicare, di poter dire qualunque cosa, senza il timore che l’altro si possa sentire giudicato o si offenda, si crea un clima di fiducia, empatico, dove si possono dire le cose più difficili e spinose”.

Davide Debernardi ha seguito la realizzazione del prontuario: “Siamo partiti dal fatto che la comunicazione è un punto chiave in eVISO: una relazione, uno scambio tra persone e idee con l’obiettivo di creare armonia ed equilibrio. Si può comunicare anche senza parlare: infatti il prontuario non si esaurisce nell’uso della parola, ma affronta temi come i numeri, le email, i conflitti, le scadenze. Per usare una metafora, abbiamo dato qualche "nota di regia" e scritto la "sceneggiatura" della comunicazione: adesso bisogna portare questo lavoro sul palco, ovvero nella nostra quotidianità, per muoverci nella relazione autentica con l’altro. Sarà il primo di una lunga serie, aperta a nuove ristampe e in continua evoluzione”.


CLICCA QUI PER SCARICARE GRATUITAMENTE eVOCE
 

Gli argomenti affrontati sono:

  • Comunicazione nelle email

  • Comunicazione al telefono

  • Comunicazione nelle riunioni

  • Comunicazione nei conflitti

  • L’importanza delle parole

  • L’importanza dei numeri

  • L’importanza delle scadenze

  • Tempi e modi: il reporting automatico

  • Tempi e modi: il calendario

  • Tempi e modi: utilizzo di piattaforme e chat